Cuba: Miguel Díaz-Canel nuovo presidente. Carlos Alberto Payá (esule), “il castrismo continuerà come prima” | AgenSIR

“Non cambia niente”. È il commento di Carlos Alberto Payá, esule cubano, interpellato dal Sir sull’elezione a presidente dello Stato caraibico di Miguel Díaz-Canel. Anche se in questo modo per la prima volta dalla rivoluzione il Paese è guidato da una persona estranea alla famiglia Castro, secondo Payá, coordinatore in Spagna, dove vive, del Movimento cristiano di liberazione e fratello del fondatore di questo movimento di opposizione, Oswaldo Payá, “il castrismo continuerà come prima. Basti pensare il metodo usato per eleggere il nuovo presidente, votato dal 99,93% di un Parlamento formato tutto da persone di un unico partito, in un Paese in cui non ci sono libere elezioni. A Cuba mancano la libertà e la democrazia e le cose continueranno ad andare così. Díaz-Canel, poi, è una persona debole, non ha doti di leader, la famiglia Castro e l’Esercito saranno i vari soggetti che continueranno ad avere il potere a Cuba”. Payá è tra i dirigenti del Movimento cristiano di liberazione

Origen: Cuba: Miguel Díaz-Canel nuovo presidente. Payá (esule), “il castrismo continuerà come prima” | AgenSIR

Anuncios

One Reply to “Cuba: Miguel Díaz-Canel nuovo presidente. Carlos Alberto Payá (esule), “il castrismo continuerà come prima” | AgenSIR”

  1. Si alguien publicara como ese desconocido logro teatralmente ponerse a la cabeza de esos monstruos estalinistas.

    Me gusta

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión /  Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión /  Cambiar )

Conectando a %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.